Come usare al meglio la testa per tirare fuori il tuo 100%
“Oggi non è proprio giornata! Non ci sono con la testa!”.

Ti è mai capitato in allenamento o in partita di avere una giornata no? Una giornata in cui non te ne andava bene una? Se si, ti sei mai chiesto il perché? O ti sei solo lamentato…?

Quando scendiamo in campo, senza che ce ne accorgiamo, ci portiamo dietro emozioni e pensieri nati in momenti precedenti. Pensieri ed emozioni che magari provengono da altri contesti come la scuola, la famiglia o il lavoro. In altre occasioni, sono proprio alcune situazioni di gioco che ci fanno provare sensazioni che ci accompagnano per tutto il resto della partita. Secondo te, quanto tutto ciò influenza il tuo rendimento in campo?

Immagina di avere uno zaino sulle spalle.

Al suo interno, c’è tutto ciò a cui pensi. Supponiamo che stai giocando una finale e, nel mentre, inizi a riflettere a quanto sarebbe fondamentale portarsela a casa o a quanto sarebbe frustrante perderla. Pensi a non commettere troppi errori, a non deludere le tue aspettative e quelle degli altri. Ragioni su quanti punti guadagneresti battendo il tuo avversario oppure alla coppa che, vincendo, metteresti sullo scaffale. Rimugini sulla palla che “stupidamente” hai appena tirato in rete, alla rabbia o alla frustrazione che stai provando perché ti accorgi che non stai mettendo una palla in campo. Speri di non commettere doppio fallo, di non sbagliare e di non incontrare troppe difficoltà…

Lo zaino comincia a pesare, non è vero?

Secondo te, tutti i pensieri e le preoccupazioni che ti ho appena elencato sono utili per la tua performance?

Direi proprio di no… Il fatto di portare sulle spalle uno zaino così carico di pensieri non utili e non funzionali alla partita non farà altro che rendere la partita stessa ancora più difficile di quello che è già.

Più lo zaino è leggero, più facile sarà per te dare il 100%.

Questo però non vuol dire che deve essere vuoto (anche perché non pensare a niente… è sbagliato). Quello che ti consiglio è di scegliere di mettere nel tuo zaino esclusivamente ciò che ti è utile per rendere al tuo massimo.

Preoccupati di mettere obiettivi e soluzioni per raggiungerli. Metti pensieri costruttivi che ti aiutano ad affrontare anche le situazioni più complicate.

Ah! Quasi dimenticavo… riserva anche un po’ di spazio per qualche “bravo” da usare quando ti accorgi di aver fatto bene. Quando ce lo meritiamo, farci qualche complimento non è reato…

Francesco Zanatta